Disabilità - Ambito Territoriale di Monza

GLOSSARIO SOCIALE | Disabilità - Ambito Territoriale di Monza

 

Disabilità

 

Centro diurno per disabili (Cdd)

Il Centro diurno per persone disabili è  una struttura diurna per disabili di età superiore ai 18 anni con elevati livelli di fragilità.

 

Centro socio educativo (Cse)

E' un servizio diurno per disabili la cui fragilità non sia compresa tra quelle riconducibili al sistema socio-sanitario. Gli interventi socio-educativi o socio-animativi, sono finalizzati alla autonomia personale, alla socializzazione, mantenimento del livello culturale, propedeutici all'inserimento nel mercato del lavoro.

 

Comunità alloggio

Soluzione abitativa per disabili o anziani autosufficienti in grado di partecipare all'organizzazione della vita domestica ma non di vivere autonomamente nel proprio domicilio. Per gli anziani la permanenza in queste comunità può essere definitiva, salvo l'insorgere di nonautosufficienze per le quali è previsto l'inserimento in una residenza sanitaria assistenziale.

 

Comunità sociosanitaria (Css)

E' una comunità alloggio socio-assistenziale autorizzata al funzionamento che, essendo disponibile anche all'accoglienza di persone adulte con grave disabilità prive di sostegno familiare ed essendo stata scelta dall'utente come sua dimora abituale, può essere accreditata al sistema socio-sanitario regionale.

 

Persona con disabilità

La definizione di Persona con Disabilità è l'esito di un percorso di pensiero che prende in considerazione il concetto di Salute (OMS) e applica il modello bio-psico-sociale mutuato dalla Teoria Sociale dei Sistemi (Engel 1982).

L'OMS nel 2001 pubblica L'ICF (International Classification of Functioning) superando la precedente del 1999 (ICDH)

Il concetto di handicap, che sottende un modello lineare causa effetto, viene sostituito dal concetto di Persona con Disabilità.

L' ICF propone un approccio clinico, educativo,sociale e riabilitativo per classificare la Disabilità che tenga conto dei seguenti aspetti: 

  • il Funzionamento
  • le Attività e la partecipazione
  • il Modello biopsicosociale
  • il Modello contestuale:interazione individuo-ambiente-società
  • L' influenza dell'ambiente
  • I fattori personali.

La legge 104/92, art. 3 comma 1 definisce come persona con handicap "colui che presenta una minorazione fisica, psichica, sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione, o di integrazione lavorativa tale da determinare un processo svantaggio sociale o di emarginazione"

 

Residenza sanitaria per disabili (Rsd)

E' una struttura residenziale destinata a disabili con età inferiore ai 65 anni, non assistibili a domicilio. Vengono garantite agli ospiti prestazioni ad elevato grado di integrazione sanitaria (mediche, educative, riabilitative ed infermieristiche) sulla base di programmi individualizzati che vedono il coinvolgimento delle famiglie.

 

Riabilitazione

La struttura di Riabilitazione è un Presidio sanitario non ospedaliero, con retta a totale carico del fondo sanitario regionale, che accoglie in regime residenziale o diurno persone, anche disabili o anziane, che necessitano di trattamenti riabilitativi di diversa intensità.

 

Salute

(OMS)

 

Servizio di formazione all'autonomia per persone disabili (Sfa)

Servizio sociale territoriale rivolto alle persone disabili con la finalità di sviluppare al massimo le potenzialità di autonomia facendo partecipare attivamente la persona nelle relazioni con il proprio ambiente (familiare, culturale, lavorativo).

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (1644 valutazioni)